H2biz - International Business HUB

Horacio Pagani

Pagani Automobili SpA
Azienda
Automotive
San Cesario sul Panaro (MO) - Italia

Profili simili (36)

passthru ...

4T

AG NOLEGGIO


Andrea Baron

AS Rent

AUTONOLEGGIO


Ballani C...

C.I.D. OK

Carrozzer...


Centro Au...

CERTIND I...

Cliccauto.it


Colleoni.EU

costruzio...

Crestar


Davide Ma...

Estrima

Fausto Passi


Visualizza tutti

  • Nome Azienda: Pagani Automobili SpA
  • Nome e Cognome: Horacio Pagani
  • CAP: 41018
  • Città: San Cesario sul Panaro
  • Provincia: MO
  • Nazione: Italia
  • Lingua preferita: IT
  • Sito web: http://www.pagani.com/it/
  • Settore: Automotive

Descrizione

Fondatore e Amm. Delegato della Pagani Automobili, specializzata nella produzione di automobili Gran Turismo a elevate prestazioni.

Tutte le autovetture Pagani sono costruite in carbo-titanio, una speciale lega di carbonio e titanio sviluppata e brevettata in esclusiva dalla Pagani Automobili.

 


Pagani Huayra R - Scultura italiana su quattro ruote

Automotive

La nuova Hypercar da pista firmata Pagani è una vettura che unisce al più alto livello di ingegneria automobilistica e know-how aerodinamico una sensibilità estetica senza precedenti, in un esercizio di stile che rappresenta la massima espressione dello sviluppo tecnologico di Pagani Automobili.

Huayra R ripropone a distanza di oltre dieci anni la stessa essenza audace e spudorata, combinando ancora una volta massima raffinatezza tecnica e cura per i dettagli, in una vettura dalla personalità estrema che incorpora la tecnologia delle Pagani del futuro. E come tutte le creature dell’Atelier, è un abito creato su misura.

Il Pagani V12-R

Molto più di un esercizio intellettuale, Huayra R è una vettura ricca di soluzioni innovative sviluppate per raggiungere le prestazioni più elevate ed è frutto di un know-how ingegneristico completamente dedicato. Un progetto non derivato da alcun modello di produzione che ha consentito di elevare in modo considerevole i target di sviluppo per ogni singolo componente, richiedendo al team di San Cesario Sul Panaro di affrontare non poche sfide tecniche. Prima fra tutte la messa a punto del motore aspirato a combustione interna più potente della storia dell’Atelier. Il Pagani V12-R, questo il nome del cuore pulsante di Huayra R, è un propulsore da corsa aspirato a dodici cilindri e 6 litri, progettato specificatamente in collaborazione con HWA AG a partire da un foglio bianco per rispondere all’esigenza dell’Atelier di equipaggiare la nuova nata con il V12 da pista più leggero, potente ed efficiente mai creato.

Sicurezza

Comfort e prestazioni di una vettura sportiva acquistano valore solo se combinati ad un ambiente che offre massima protezione. Un aspetto, quest’ultimo, sul quale il team di San Cesario Sul Panaro non scende mai a compromessi e che è parte fondante ed imprescindibile di ogni progetto che esce dall’Atelier. Centrali nello sviluppo di Huayra R sono stati l’attenta progettazione e una ricerca meticolosa condotta sui materiali, sulla scocca e sulla struttura del roll bar per restituire ai clienti non solo la più elettrizzante esperienza di guida su pista, ma soprattutto una vettura sicura, in linea coi più severi requisiti FIA per vetture GT. La massiccia gabbia di sicurezza integrata alla monoscocca centrale incorpora al suo interno speciali strutture di assorbimento posizionate a livello frontale, laterale e posteriore, realizzate in materiali compositi e appositamente predisposte per assorbire l’energia cinetica in caso di impatto o ribaltamento.

Aerodinamica

Per Pagani Automobili costruire vetture complesse e ricche di soluzioni tecnologiche ed innovative richiede non solo menti brillanti, ma veri e propri artisti. Una missione che per gli artigiani specializzati impegnati nello sviluppo di Huayra R ha comportato un intenso lavoro di studio e di ricerca per unire agli aspetti più tecnici e prestazionali la massima eleganza formale. Ogni linea e superficie di Huayra R è infatti concepita per generare il massimo carico aerodinamico, con un target di sviluppo iniziale di 1000 kg di deportanza a 320 km/h (2204 lb at 199 mph) ed un’altezza da terra che consentisse di raggiungere le massime prestazioni aerodinamiche garantendo un comportamento sicuro e prevedibile in ogni condizione. Un obiettivo ambizioso eppur presto raggiunto, con risultati ottimali fin dai primi test aerodinamici, durante i quali la vettura ha dato prova di grande stabilità e di un bilanciamento in linea col target prefissato di 46% – 54% di distribuzione di downforce per tutto l’inviluppo di velocità

Sospensioni

La raffinatezza in ambito di sospensioni delle vetture Pagani rappresenta da sempre un motivo di orgoglio per l’Atelier. Frutto di un percorso di ricerca e sviluppo ultratrentennale, questo prodigio tecnico e tecnologico, oggetto di una sperimentazione incessante, conobbe con Zonda R un importante banco di prova che portò alla definizione di soluzioni tecniche altamente innovative che di lì a poco avrebbero equipaggiato la nascente Huayra Coupé. Analogamente, la nuova cinematica e la sofisticata geometria del gruppo sospensioni sviluppate ad hoc per Huayra R sono il risultato di uno dei momenti progettuali e sperimentali più intensi ad oggi mai vissuti dall’Atelier, e rappresentano il futuro di Pagani Automobili su pista. Con sospensioni realizzate in lega di alluminio forgiato, doppi triangoli sovrapposti, molle elicoidali e ammortizzatori attivi a controllo elettronico, l’intera configurazione del nuovo sistema con punti di fissaggio rigidi consente non solo di trasferire a terra tutta la potenza e la straordinaria coppia del Pagani V12-R, ma anche di offrire una precisione di guida senza precedenti. L’ elastocinematica evoluta e raffinata di Huayra R consente.

CARATTERISTICHE TECNICHE

MOTORE: Pagani V12-R – 6.0 litri – 12 cilindri a V aspirato
POTENZA: 850 CV (625 kW) a 8250 giri/min
COPPIA: 750 Nm da 5500 a 8300 giri/min
TRASMISSIONE: Trazione posteriore
CAMBIO: Trasversale sequenziale; 6 marce ad innesti frontali
FRENI: Brembo CCM-R dischi ventilati: Anteriori 410×38 mm con pinze monolitiche a 6 pistoni; Posteriori 390×34 mm con pinze monolitiche a 6 pistoni
CERCHI: APP forgiati in lega di alluminio monolitica: Anteriori 19 pollici; Posteriori 19 pollici
PNEUMATICI: Pirelli P Zero versione slick – Dry e Wet: Anteriori 275/675 R19; Posteriori 325/705 R19
SOSPENSIONI: Doppi bracci a triangolo indipendenti forgiati in lega di alluminio, molle elicoidali e ammortizzatori controllati elettronicamente
TELAIO: Monoscocca in Pagani Carbo-Titanium HP62 G2 e Carbo-Triax HP62 con telaietto tubolare anteriore e posteriore in lega di acciaio al CrMo
PESO A SECCO: 1050 Kg (2314 lb)

Pagani Zonda Revolucion - Il concetto di arte applicato alla velocità

Automotive

La Pagani Zonda Revolución è il culmine della celebrazione di performance, tecnologia e arte applicata a una vettura da pista. Horacio Pagani ed il suo team hanno dato vita a una vettura concepita per entusiasmare sia in pista che in una collezione.

La monoscocca centrale è in carbo-titanio (brevetto esclusivo Pagani), il peso ferma la bilancia a 1070 kg.

Il motore Mercedes AMG è un’evoluzione di quello montato sulla Zonda R. Il 12 cilindri a V di 6.0 litri di cilindrata sviluppa ora una potenza di 800 CV e 730 Nm di coppia, garantendo un rapporto peso potenza di 748 CV per tonnellata.

Il cambio sequenziale trasversale in magnesio permette cambiate in 20 ms. Il controllo di trazione sviluppato da Bosch con 12 differenti regolazioni e il rinnovato sistema ABS permettono al pilota di adattare il comportamento della vettura al proprio stile di guida.

Il programma Zonda R ha sempre rappresentato la massima espressione della tecnologia di Pagani. L’aerodinamica presenta novità importanti, con appendici aerodinamiche sui cofani anteriori e lo stabilizzatore verticale montato sul cofano posteriore.

In aggiunta alle appendici fisse, Pagani Zonda Revolución adotta un sistema DRS sull’ala posteriore. Il sistema ha due modi di funzionamento, entrambi attivabili in qualsiasi momento dal pilota. Il sistema manuale è attivato dal pulsante DRS presente sul volante. L’ala passa dalla posizione di massimo a minimo carico aerodinamico, al presentarsi di una accelerazione laterale di +/- 0,8 g ed una velocità minima di 100 km/h. Tenendo premuto il pulsante DRS per più di due secondi il sistema DRS lavora in automatico rispettando le condizioni messe a punto dagli ingeneri di Pagani Automobili durante lo sviluppo. Il risultato è una vettura sempre veloce, sempre più prestazionale in qualsiasi curva di qualsiasi circuito del mondo.

L’impianto frenante monta dischi Brembo CCMR di ultima generazione, seguendo processi produttivi derivati dalla tecnologia Formula 1. Con un risparmio di peso del 15% rispetto ai dischi CCM vantano di una maggiore rigidezza e di temperature di esercizio più basse durante l’uso estremo in pista. Questo contribuisce a una vita del disco che è incrementata di quattro volte. Il pilota avverte una sensazione al pedale costante, priva di fading con un sensibile incremento globale della potenza di frenata.

Pagani Zonda Revolucion rappresenta l’esperienza definitiva chi vuole vivere le massime prestazioni possibili in pista, su una vettura sicura e intuitiva Pagani Zonda Revolución, come tutte le creature dell’atelier di San Cesario sul Panaro, è un vestito su misura. Un oggetto dove arte e scienza si fondono per creare una sintesi perfetta tra tecnologia, prestazioni ed estetica Pagani.

Horacio Pagani, Owner e Chief designer di Pagani Automobili:

“I limiti sono fatti per essere superati. Sapevamo che Pagani Zonda R era già un’auto velocissima, la più veloce di sempre sul circuito del Nürburgring. Sapevamo che sarebbe stato molto difficile riuscire a progettare e realizzare una vettura ancora più estrema. Ma grazie alla creatività ed al lavoro di tutto il centro stile di Pagani Automobili, gli ingegneri, e tutta la Famiglia Pagani, siamo riusciti a creare sia un oggetto bellissimo che una supercar ancora più veloce. Un’automobile che sono sicuro elettrizzerà tutta la nostra clientela e tutti i fan di Pagani Automobili sparsi nel mondo”.

Pagani Imola - La nuova Hypercar a misura di futuro

Automotive

La nuova Pagani Imola, che prende il nome dal circuito su cui è stata plasmata e messa a punto, è una Hypercar stradale dal carattere racing assoluto, che incarna la massima tecnologia su pista firmata Pagani Automobili.

Produzione limitata a soli cinque esemplari, Pagani Imola è stata protagonista del più rigoroso ciclo di validazione su tracciato mai applicato ad una vettura Pagani. In aggiunta alla regolare e già scrupolosa validazione, infatti, Imola ha percorso oltre 16.000 km in pista a velocità di gara, l’equivalente di circa tre volte la 24 ore di Le Mans.

Scheda tecnica

  • Struttura: monsococca in carbo-titanio HP62 G2 e Carbo-Triax HP62 con telaietti supplementari (anteriore e posteriore) tubolari in acciaio
  • Ruote: cerchi da 20” anteriori e da 21” posteriori; pneumatici Pirelli Trofeo R da 265/30 – 20 (anteriori) e da 355/23 ZR 21 (posteriori)
  • Sospensioni: doppi bracci trasversali indipendenti, molle elicoidali, ammortizzatori a controllo elettronico
  • Freni: impianto carboceramico Brembo; dischi anteriori da 398×36 mm con pinze a sei pistoncini, dischi posteriori da 380×34 mm con pinze a quattro pistoncini
  • Peso a secco: 1.246 kg
  • Motore e trasmissione
  • Unità motrice: Mercedes-AMG 6.0 (5.980 cc)
  • Architettura: 12 cilindri a V di 60°
  • Potenza massima: 827 CV
  • Coppia massima: 1.100 Nm
  • Cambio: Xtrac AMT trasversale a sette rapporti con differenziale elettromeccanico
  • Trazione: posteriore.


Una vettura-laboratorio

Un passo fondamentale nel progresso tecnologico e scientifico di Pagani Automobili. Pagani Imola è una vettura-laboratorio su cui sono state concepite, testate e sviluppate innovazioni importanti. Alcune di queste equipaggiano Roadster BC e saranno in dotazione anche sulle Pagani del futuro.

Sperimentare è parte del DNA della ricerca di Pagani Automobili. Pensiamo a quanto sia stata indispensabile nel 2008 l’esperienza formativa di Zonda R. Una vettura che ci ha permesso di arrivare a Huayra equipaggiandola con soluzioni testate in condizioni estreme. In quell’occasione abbiamo avanzato idee rivoluzionarie come il telaio in Carbo-Titanio, assieme a geometrie, materiali e concetti inediti dal punto di vista dell’aerodinamica, della dinamica e della sicurezza di una supercar.

Su Zonda R, insieme a Pirelli, abbiamo sviluppato pneumatici con il nuovo sistema MIRS, poi applicato su Huayra e sulle vetture di Formula 1.

Similmente, una volta definite le specifiche iniziali, sul progetto Imola abbiamo lavorato con una grande apertura mentale e libertà tecnica per integrare le innovazioni in corso d’opera.

Il carattere aerodinamico di Pagani Imola emerge da tre concetti. La forma generale, l’aerodinamica interna e i dettagli aerodinamici esterni come pinne, ali, deviatori”, racconta Horacio Pagani, Founder e Chief Designer di Pagani Automobili. “Non possiamo definirla una vettura elegante. Cercavamo una macchina efficace e questo ci ha portato, come quando osserviamo una monoposto di Formula 1, a concepire una vettura più ricca di elementi aerodinamici. Se da un lato questi dettagli interrompono le linee e l’estetica della vettura, dall’altra ne migliorano il tempo su giro, la facilità di guida e, soprattutto, la sicurezza. Su quest’ultimo aspetto, avremmo potuto ridurre l’altezza della vettura dal suolo, sfruttando la grande superficie del fondo piatto così da aumentare l’effetto di downforce. Ma – ricordiamoci – l’irregolarità delle strade pubbliche può portare alla perdita di diverse centinaia di chilogrammi di carico aerodinamico in pochi istanti. Davanti a questi pericoli abbiamo lavorato con attenzione sulla parte superiore e sui dettagli della vettura.”

Pagani Imola sfrutta il sistema dell’aerodinamica attiva introdotta con Huayra, la prima vettura stradale di sempre con una tecnologia simile in dotazione. In questo modo possiamo intervenire con ciascuna delle quattro ali mobili in maniera dinamica e immediata in relazione alla guida, anche in frenata generando freno aerodinamico.

La nuova geometria del gruppo sospensioni ha lo scopo di scaricare a terra la potenza e l’esuberante coppia di 1100 NM, di ridurre l’effetto di dive in frenata e di rollio ed attaccare la curva con frenate all’ultimo millesimo di secondo.

Abbiamo montato un sistema di ammortizzatori attivi a gestione elettronica sulla singola ruota e interconnessi tra loro. La sospensione anteriore, che varia l’altezza da terra in modo autonomo e intelligente, dialoga con la Central Unit che gestisce l’aerodinamica attiva, il controllo motore, il differenziale e la gestione del cambio. Con l’introduzione del sistema SMART GAS, il tempo di cambiata è ridotto esaltando il carattere racing di Imola, mentre la guida rimane piacevole grazie alle molle a passo variabile.

Pagani Automobili continua rigorosamente la ricerca nell’ambito dei sistemi in materiali compositi avanzati. La nuova formula del Carbo-Titanio HP62 G2 e del Carbo-Triax HP62, utilizzata per la creazione del monoscocca in dotazione su Pagani Imola e su Roadster BC, nasce con l’obiettivo di ridurre il peso e aumentare la rigidezza torsionale e flessionale.

Con Imola l’attenzione maniacale al il risparmio di peso è portata ad un livello ancora superiore con l’introduzione di Acquarello Light, un nuovo sistema di verniciatura su misura che rappresenta un’ulteriore evoluzione del già avanzato stato dell’arte di Pagani in materia, consentendo di ridurre il peso della vernice di ben 5 kg pur mantenendo inalterate intensità del colore, profondità e lucentezza.

“La vernice di un veicolo non è solo un requisito estetico, ma ha funzioni tecniche essenziali, come proteggere da influenze esterne e prevenire l’invecchiamento del materiale, in particolare dei materiali compositi avanzati. Siamo riusciti a creare uno scudo di protezione in grado di isolare il materiale sottostante dalle minacce esterne, aumentando di conseguenza la resistenza all’impatto, e dopo anni di ricerca per ottimizzazione il nostro sistema di verniciatura con l’obiettivo di ridurre significativamente il peso, siamo orgogliosi di annunciare finalmente il raggiungimento di questo traguardo attraverso un’auto così speciale come la Imola. La nuova tecnologia sarà ovviamente disponibile sui futuri modelli Pagani”. Horacio Pagani

L’estrema ricerca all’insegna dell’alleggerimento condotta da Pagani ha portato negli anni all’utilizzo sempre più esteso di leghe nobili, come ad esempio quelle di alluminio, di titanio ed il cromo-molibdeno, che hanno permesso di applicare principi di ottimizzazione in termini di proprietà meccaniche e di leggerezza, esprimendosi per la nuova nata Imola in oltre 770 componenti forgiati o ricavati dal pieno. Questo senza mai tralasciare l’attenta ricerca estetica, con lo sviluppo dell’originale finitura materica applicata specificatamente alle parti in lega di alluminio.

L’innovativo impianto frenante costruito da Brembo è stato ottimizzato, attraverso uno studio aerodinamico ed innumerevoli test dedicati, per migliorare ulteriormente tutto il sistema di raffreddamento.

Con Pirelli e il neonato sistema Next MIRS abbiamo studiato pneumatici per ottenere una macchina performante in pista, ma anche “comunicativa”, semplice da guidare, in pieno stile Pagani.

Pagani Huayra Roadster

Automotive

La Huayra Roadster è l'autovettura sportiva scoperta realizzata aella Pagani Automobili.

Costruita interamente in carbo-titanio, pesa 1.280 kg, 80 kg meno della variante chiusa. Un primato unico per una hypercar che passa dalla soluzione coupé a quella roadster, ottenuto grazie allo sviluppo della tecnologia legata alla realizzazione del carbo-titanio (sviluppato in esclusiva dalla Pagani): il nuovo materiale ottenuto, a parità di peso, garantisce il 52% di rigidità torsionale extra.

Il tettuccio è doppio. Uno di vetro e carbonio: da smontare e lasciare a casa.

Pagani Huayra Roadster è spinta dalla potenza del motore Mercedes-AMG M158. Un propulsore a dodici cilindri, costruito specificatamente da Mercedes-AMG per Pagani Automobili che beneficia dello sviluppo fatto per Huayra BC, erogando una potenza di 764 cv a 6200 giri al minuto ed una coppia di oltre 1000 NM disponibili già a 2400 giri.

Dotato della più moderna tecnologia disponibile, il motore biturbo 12 cilindri a V di 60 gradi con 5980 cm3 di cilindrata, è stato sviluppato per soddisfare non solo le sempre più stringenti normative di inquinamento, ma anche per conferire a Huayra Roadster una guida rilassata ma anche elettrizzante. Le turbine sono state progettate per offrire una risposta immediata dell’acceleratore senza nessun ritardo nell’erogazione, dando al pilota il pieno controllo.

La lubrificazione a carter secco poi, permette un perfetto funzionamento del motore anche in condizioni di estreme accelerazioni laterali.

Il motore M158 è omologato per le più restrittive normative ambientali EURO 6b e Carb.

Le prestazioni della Huayra Roadster:

Vel. max: 350 km/h
Accelerazione o-100 km/h: circa 3 secondi