H2biz - International Business HUB
Sistema per evitare lo scontro tra aerei e volatili
Sistema per evitare lo scontro tra aerei e volatili

Inserito da      salvo lombardo

Settore: Aerospazio

Inserito il 29-08-2019

Piattaforma: Idee da finanziare

Prezzo: da definire


Condividi   |   Consiglia   |   Inoltra


Il cosiddetto bird strike, ossia lo scontro tra un aereo con dei volatili ha spesso conseguenze molto gravi, persino letali.



Anche perché tali impatti avvengono principalmente a bassissime quote, ossia quando l’aereo si trova nella già delicata fase di decollo o di atterraggio.



Da giovane pilotavo aerei e sapendo che questa è la seconda causa di incidenti nei cieli, cercavo una possibile soluzione. Di recente, partendo dalla formula che calcola l’energia di tale impatto: E= m*v/t (dove (E) è l’energia d’impatto, (m) la massa dell'uccello che moltiplicata per (v) la velocità di collisione e divisa per (t) ossia il tempo di impatto o di decelerazione) ho calcolato l'esatto valore di tale energia.



Da ciò si evince che quando un gabbiano del peso di un chilogrammo, colpisce un aereo che viaggia a 250 km/h si avrà un’energia d’impatto, come se l'uccello pesasse circa una tonnellata.

Ed è proprio partendo da questa formula che ho trovato il sistema anti collisione aereo/uccelli che può essere la soluzione a tale problema.



Il che significa oltre alla possibilità di salvare vite umane, anche ottenere un enorme risparmio economico. Basti considerare che, solo nel 2018 le collisioni tra aerei e uccelli negli USA sono stati oltre 14 mila, causando danni alle compagnie aeree per centinaia di milioni di dollari.



Se a ciò aggiungiamo che questo sistema ha un costo modesto e si può montare anche sui velivoli già operativi, ciò ne aumenta il valore e lo rende un dispositivo desiderabile sia per le compagnie aeree, sia per le case costruttrici di aeromobili.



Ricerco finanziatori per portare sul mercato il progetto.



Streaming

Malin Alberto ha modificato il suo profilo
Arturo Lo Monaco ha modificato il suo profilo
Arturo Lo Monaco è iscritto a H2Biz!
Roberto Polidoro Bruno Paillard, Champagne Rosé Première Cuvée Composta prevalentemente da Pinot Noir, la Rosé Première Cuvée della Maison Bruno Paillard è ottenuta esclusivamente dalla prima spremitura. Ciò è combinato con degli Chardonnay del nord della Côte des Blancs che portano una nota di freschezza. Scarsamente dosato, è un brut autentico che riposa in cantina dai 3 ai 4 mesi dopo la sboccatura. La cuvée Rosé Première attira per il suo colore oro rosato ramato leggermente lampone, che tende a diventare rosa salmone con il tempo. Il perlage è fine grazie al lungo invecchiamento in bottiglia. Il bouquet è vivo e fruttato con delle punte di ribes e frutti rossi leggermente aciduli che offrono in un secondo momento note di amarena, fragolina di bosco e violetta. La bocca è fresca con una golosa vivacità. Seduce per il finale puro e raffinato e regala uno champagne elegante e leggero.
Outsider News E’ Goyard il brand di lusso più esclusivo del mondo. Niente pubblicità o sfilate, 200 anni di riservatezza http://www.outsidernews.it/e-goyard-il-brand-di-lusso-piu-esclusivo-del-mondo-niente-pubblicita-o-sfilate-200-anni-di-riservatezza/
E' Goyard il brand di lusso più esclusivo del mondo. Niente pubblicità o sfilate, 200 anni di riservatezza | Outsider News - Media Company 4.0
Dici lusso esclusivo e il pensiero corre subito a Hermès, la maison francese nata per sellare i cavalli con pelli pregiatissime e lavorate a mano e divenuta nel tempo un must per le signore più eleganti del mondo. Ma quelle stesse signore sanno, non tutte in verità, che il brand di lusso più esclusivo del mondo è Goyard, sconosciuto al pubblico perchè ha fatto della riservatezza la sua stessa ragion d'essere: nessuna pubblicità, nessuna sfilata e nessun evento mondano.

Marketplace

Eventi