H2biz - International Business HUB
ITAtech - CDP investe 50 milioni di euro per il Technology Transfer
ITAtech - CDP investe 50 milioni di euro per il Technology Transfer

Fornitore      Cassa Depositi e Prestiti (Cdp)

Settore: Credito e finanza


Condividi   |   Consiglia   |   Inoltra


ITAtech, la piattaforma promossa da CDP e dal Fondo Europeo per gli Investimenti dedicata al finanziamento dei processi di trasferimento tecnologico, effettua il suo primo investimento grazie all’ingresso nel fondo Vertis Venture 3 Technology Transfer, e apre contestualmente a nuovi partner: la Compagnia di San Paolo si aggiungerà come sottoscrittore della Piattaforma.

“Con il primo investimento di ITAtech, CDP contribuisce attivamente a rafforzare il mercato del venture capital in Italia. La Piattaforma è lo strumento in grado di “trasformare” la ricerca scientifica e trasferirne i risultati in concrete opportunità di mercato, oltre a consentire alle aziende già strutturate di favorire l’avvio di processi di innovazione in una logica di “open innovation” – così l’AD Fabio Gallia ha sottolineato l’importanza del primo investimento di ITAtech – "Grazie alla nostra consolidata collaborazione con il FEI, e alla partnership con Compagnia di Sanpaolo, CDP conferma il proprio ruolo di istituzione in grado di attrarre risorse nazionali ed europee per lo sviluppo dell’innovazione tecnologica in Italia”.

Vertis Venture 3 Technology Transfer, il primo fondo in Italia interamente dedicato alla realizzazione di investimenti nell’ambito del “trasferimento tecnologico”, conta di realizzare impieghi per oltre 50 milioni di euro, con il supporto finanziario di CDP e di InnovFin - Eu Finance for Innovators, lo strumento finanziario sviluppato nell’ambito di Horizon 2020 - il programma europeo per la ricerca e l’innovazione. L’obiettivo del fondo è costruire un portafoglio di investimenti focalizzato a favorire la crescita di nuove imprese nei settori dell’“automazione” e della “robotica”, grazie ad accordi di partnership con università, centri e organizzazioni di ricerca, considerati un’eccellenza nel panorama italiano dell’innovazione.

L’iniziativa testimonia l’impegno concreto di CDP volto a supportare, catalizzare e accelerare la commercializzazione della proprietà intellettuale ad elevato contenuto tecnologico e sostenere la crescita dell’industria 4.0.

Come funziona

ITAtech è una Piattaforma d’investimento fortemente selettiva e ambiziosa a supporto dell’eccellenza della Ricerca italiana che vuole giocare un ruolo di “agent for change”, innanzitutto culturale, per le istituzioni accademiche.
Gli obiettivi di ITAtech si riassumono in:
accelerare e favorire il trasferimento di tecnologia dai risultati della Ricerca italiana;
promuovere e incentivare la costituzione di team dedicati al technology transfer con una forte expertise in selezionati settori tecnologici
CDP e FEI hanno deciso di stanziare risorse di capitale di rischio pari a 200 milioni di euro (100 milioni ciascuna) per il lancio della Piattaforma.
ITAtech, aperta all’ingresso di potenziali nuovi investitori, si occuperà di sviluppare un portafoglio di fondi di investimento dedicati esclusivamente ai processi di trasferimento tecnologico dalle università e dai centri di ricerca al mercato.

Gli stakeholder chiave della Piattaforma sono rappresentati da soggetti pubblici e privati attivi nel technology transfer, quali università, centri di ricerca, Uffici di Trasferimento Tecnologico (UTT), startup e investitori in early-stage. I target d’investimento sono tutti i progetti ad elevato contenuto tecnologico e innovativo con focus su settori specifici in cui l’Italia eccelle e per i quali vi è un forte interesse da parte delle imprese e del mondo del business in generale.

Schemi di intervento

La piattaforma ITAtech opererà nel mercato seguendo diversi schemi di intervento.
Il trasferimento tecnologico può avvenire infatti seguendo possibili direttrici che rappresentano le modalità di sfruttamento della tecnologia e contestualmente i potenziali meccanismi di accesso al mercato, tra i quali la costituzione di start ups e spin outs, il licensing, gli accordi con grandi corporates interessate alla valorizzazione della proprietà intellettuale.
Inoltre, ITAtech opererà secondo gli schemi operativi che meglio si adatteranno al contesto specifico di mercato, in accordo con il ruolo di soggetto promotore del trasferimento tecnologico in Italia.

Per informazioni su come accedere a ITAtech, contattateci.



Marco Blaset
Editoria e media