H2biz - International Business HUB
Fondo di Venture Capital per le PMI
Fondo di Venture Capital per le PMI

Fornitore      Antonio Censabella

Settore: Credito e finanza


Condividi   |   Consiglia   |   Inoltra


"Fondo di Venture Capital con una capacità totale di 25 milioni di euro, seleziona aziende provenienti da operazioni di spin off o interessate da interventi di early stage financing caratterizzate da un piano di sviluppo ambizioso e credibile. Il fondo è interessato a valutare operazioni di start-up e spin-off localizzate nel Sud Italia (Lazio e Abruzzo compresi) con investimenti che presentino innovazioni di processo o di prodotto con tecnologie digitali. Il fondo può investire anche in aziende localizzate nel resto d'Italia, purché già operative o con un programma di sviluppo in aree del Sud Italia; L'importo massimo di ciascun investimento non può superare i 2,5 €/mln (minimo 500/K); qualora un'iniziativa presenti esigenze finanziarie maggiori, possiamo realizzare coinvestimenti coinvolgendo altri fondi. Per il successo delle operazioni di investimento sono stati perfezionati accordi con numerosi Centri di ricerca, Università, Distretti ed incubatori d'impresa in Italia, Europa, negli Stati Uniti D'America ed in Asia. Il fondo più in generale, vengono prese in considerazione iniziative che presentino prospettive di sviluppo dei risultati molto elevate nell'ambito, generalmente, di 3-4 esercizi, e che possano ""garantire"" IRR significativi. Allo scopo di perseguire i propri obiettivi di investimento, il fondo si concentra su iniziative che soddisfino i seguenti parametri: - esperienze e competenze del management riconosciute; - elevata crescita attesa dei risultati (fatturato, MOL ecc.); - difendibilità dei risultati, garantita dalla titolarità di brevetti o da altri elementi, quali il modello di business ecc.; - concrete possibilità di scenari alternativi qualora la parte core del progetto non dovesse evolversi nella direzione indicata dal management; - indicazioni degli scenari di sviluppo dell'iniziativa ipotizzabili dopo il periodo di start-up; - commitment dei soci/manager dell'iniziativa in termini di risorse finanziarie, tempo e competenze. Si elencano le informazioni che dovrebbero essere contenute in un Executive Summary al fine di definire un quadro più chiaro e preciso di ogni iniziativa che i promotori vorranno presentarci : - promotori ed esperienze corrispondenti; - business di riferimento e presupposti dell'iniziativa; - storia dell'iniziativa con indicazione delle attività compiute fino a oggi e dello stadio di sviluppo raggiunto; - accordi eventualmente già sottoscritti con partner; - soluzioni attualmente presenti sul mercato con indicazione dei loro punti di forza e di debolezza; - eventuale titolarità di brevetti o indicazioni sulla possibilità di ottenerli in relazione all'aspetto core del progetto; - contenuto digitale; - eventuali ulteriori attività in cui sono impegnati i proponenti e indicazione del commitment (in termini di ore uomo) che essi intendono dedicare all'iniziativa; - investimenti articolati per categoria di spesa e anno; - capitale richiesto a un fondo di venture capital; - capitali che i promotori intendono investire; - previsioni sui risultati economico-finanziari per i primi tre esercizi (in questa fase sono sufficienti anche dati sintetici su fatturato, ebitda e indebitamento finanziario netto). Gli interessati potranno richiedere una valutazione del proprio business/azienda inviando un Business Plan o una sintesi progettuale (Executive Summary)."