H2biz - International Business HUB
Vetture Aziendali, Welfare e Business Innovation
Vetture Aziendali, Welfare e Business Innovation

Inserito da      Sandro Tarsia

Settore: Automotive

Inserito il 26-05-2016


Condividi   |   Consiglia   |   Inoltra


"Una provocazione..... WELFARE E RISORSE UMANE Ma perchè non ci si rende conto che sistemi di Integration Business possono realizzare extra redditività, qualche posto di lavoro in più, e soprattutto tanti benefici a tutti? Prendiamo ad esempio il sistema della auto aziendali, dove oggi ci sono rimborsi per le aziende pari all'80% del canone di leasing. Immaginiamo che un imprenditore decida che i suoi lavoratori siano Risorse e non Dipendenti, che attraverso politiche di benefit e welfare si possa realizzare un extra flusso di entrate, ed un vantaggio per le proprie risorse. Un'azienda con 1.000 risorse potrebbe realizzare un extra guadagno dall'auto aziendale pari a circa 840.000€ l'anno, un'azienda con 5.000 risorse arriva a 4,2 milioni di € e così via. Come si fa? la risorsa rimborsa la restante parte del 20% del canone all'azienda in busta paga, e fornisce un extra (sempre in busta paga) pari alle gestione amministrativa media di 70€ al mese. La risorsa ogni 3-4 anni avrà un'auto nuova, ed il paragone di spesa sarà come pagare la stessa auto in 25-30 anni, conviene??? per me si. Assicurazione, manutenzione, tasse, tutte comprese nel canone. A me converrebbe!!! Le aziende di cui sopra, in 5 anni accumulano fondi per 2,2 milioni di € e 21 milioni di €. Cosa ci fanno??? Semplice direi, innovazione, competitività, riqualificazione, altri progetti di welfare etc. Lo stato?, il regime di rotazione di riacquisto medi odi un'auto è di circa 7-8 anni, io così dimezzo questa rotazione, e chiedo un raddoppio di produzione di auto, di componenti, di pneumatici etc. Arriveranno nuovi introiti, nuove tasse. Avremmo più auto circolanti nuove, meno inquinanti e più sicure, auto regolari, perchè è la società di leasing a preoccuparsi di bollo, assicurazione e manutenzione. Immaginiamo che poco meno del 5% della forza lavoro aderisca a questa iniziativa, parliamo di 1.000.000 di lavoratori, l'impatto sull'auto? enorme! Ma questi lavoratori avranno certamente già l'auto, la venderanno sicuramente, ed il prezzo medi odi rivendita si attesta tra i 3.000 ed i 5.000€, moltiplichiamolo per il milione di lavoratori, ed immetteremo nel mercato dai 3 ai 5 Miliardi di €, con solo il 5% di ""aderenti""! E le auto usate, vi starete chiedendo? esistono delle regole che favoriscono la commercializzazione di auto usate, oggi nessun concessionario vende solo auto nuove, perchè la auto usate sono plusvalenze negative in bilancio, non a caso, quella dei rivenditori di auto è tra le categorie che guadagnano meno.....! Ma per attuare questo sistema, gli imprenditori devono cambiare mentalità. il vostro lavoratore è una risorsa non un costo in bilancio, sappiate cogliere ogni opportunità, perchè porterà benefici a tutti."