H2biz - International Business HUB
FiberPasta - Italian High Quality Food
FiberPasta - Italian High Quality Food

Fornitore      FiberPasta

Settore: Agro-Alimentare


Condividi   |   Consiglia   |   Inoltra


La pasta FiberPasta ha lo stesso sapore e gradevolezza della pasta tradizionale italiana. Il grano utilizzato è esclusivamente di origine italiana, dove selezioniamo le migliori semole di grano duro di alta qualità. Assicuriamo inoltre che nel grano utilizzato per la produzione della nostra pasta è assente il glifosato.


BASSO INDICE GLICEMICO ED ELEVATO APPORTO DI FIBRE

La pasta FiberPasta contiene il 15% di fibra (oltre il doppio della pasta integrale tradizionale), un basso indice glicemico IG 23 ed è ottenuta esclusivamente da semola di grano duro con l’aggiunta funzionale di inulina (fibra vegetale solubile). L’elevato contenuto di fibra aumenta la sazietà senza provocare gonfiore e rallenta l’assorbimento dei carboidrati, contribuendo ad un minor assorbimento calorico e alla riduzione del picco glicemico.


CONSIGLIATA DA NUTRIZIONISTI

La pasta FiberPasta è consigliata da dietisti, dietologi e nutrizionisti nelle diete a basso indice glicemico, per il controllo del peso e del colesterolo e come aiuto per favorire il transito intestinale. E’ inoltre molto utile nella dieta per lo sportivo, grazie al lento rilascio dei carboidrati che mantiene l’energia per un tempo prolungato.

 

CERTIFICAZIONE DEL MINISTERO DELLA SALUTE
Nel 2001 la pasta FiberPasta è stata certificata con Decreto_del Ministero_della_Salute.


Streaming

Caccinelli Paolo ha modificato il suo profilo
Caccinelli Paolo è iscritto a H2Biz!
Outsider News Femminilità, tenacia e competenza. Marisa Bellisario, la prima donna manager che ha sfondato il Soffitto di Cristallo http://www.outsidernews.it/femminilita-tenacia-e-competenza-marisa-bellisario-la-prima-donna-manager-che-ha-sfondato-il-soffitto-di-cristallo/
Femminilità, tenacia e competenza. Marisa Bellisario, la prima donna manager che ha sfondato il Soffitto di Cristallo | Outsider News - Media Company 4.0
Per il suo primo colloquio scelse un «vestito di vigogna grigia, il meno appariscente possibile, appena ravvivato dalle pieghe della gonna». Ma forse - rifletté anni dopo nell'autobiografia - «ancora troppo squillante» per quella mattina del 1959 in cui entrò per la prima volta alla Olivetti di Torino.

Marketplace

Eventi