H2biz - International Business HUB
Eni Diesel Plus - Il diesel che riduce l'impatto ambientale
Eni Diesel Plus - Il diesel che riduce l'impatto ambientale

Fornitore      Eni

Settore: Automotive


Condividi   |   Consiglia   |   Inoltra


Eni Diesel +, prodotto nella bioraffineria Eni di Venezia, anche grazie al 15% di componente green rinnovabile, riduce l’impatto ambientale e i consumi rispetto al diesel tradizionale.

Eni Diesel +, grazie alle molecole detergenti, ha due effetti benefici sui fori di iniezione. Il primo, keep clean, impedisce la formazione di nuovi residui; il secondo, clean up, rimuove quelli delle combustioni precedenti. Il risultato? A ogni accensione garantirai alla tua auto iniettori più puliti, recupero di potenza e una maggiore durata.

La rapidità di combustione, garantita dall’elevato numero di cetano, maggiore di 55, consente al motore di lavorare con la massima efficienza, avere una marcia più fluida e ridurre fino al 4% i consumi rispetto al diesel tradizionale.

La componente green rinnovabile, contenuta al 15% in Eni Diesel +, ha le stesse caratteristiche di distillazione del diesel. Questo fa sì che non si verifichi una diluizione dell’olio lubrificante, garantendo la protezione del motore più a lungo.

La componente green rinnovabile presente in Eni Diesel + non lascia residui nel filtro gasolio, contribuendo ad allungare l’intervallo tra una sostituzione e l’altra.

Perchè Eni Diesel + riduce l'impatto ambientale

Nell’ambito dei test su vetture Euro 4, Euro 5 ed Euro 6 condotti presso il Centro Ricerca Eni di San Donato Milanese e validati dall’Istituto Motori CNR di Napoli è stata rilevata una significativa riduzione delle emissioni gassose inquinanti (monossido di carbonio CO e di idrocarburi incombusti HC) fino al 40% grazie alla presenza della componente green rinnovabile. Inoltre, grazie ad un ciclo produttivo più sostenibile, Eni Diesel + presenta un valore di 'Carbon Intensity” inferiore rispetto ad un gasolio commerciale e contribuisce a ridurre le emissioni di CO in media del 5%.