H2biz - International Business HUB

Gennaro Viglione

Resp. Commerciale Studio Commercialisti
Professionista
Commercialista
Benevento (BN) - Italia

Profili simili (98)

Ada Pechini

Alfonso T...

angelo ri...


Antonino ...

Antonio C...

Antonio G...


Antonio T...

Brando Di...

Carlo Rob...


Carmelo F...

Christelle

Claudio M...


Daniele M...

Davide Ca...

domenico ...


Dunstan M...

elena pas...

enzo azzolin


Visualizza tutti

  • Nome Azienda: Studio Commercialisti
  • Nome e Cognome: Gennaro Viglione
  • CAP: 82100
  • Città: Benevento
  • Provincia: BN
  • Nazione: Italia
  • Lingua preferita: IT
  • Sito web: Non disponibile
  • Settore: Commercialista

Descrizione

- Assunzioni dirette, licenziamenti, proroghe e modifiche contratti, utilizzo del programma telematico per le nuove procedure di collocamento unificato on-line come da obbligo di legge;
- Iscrizione delle imprese ad enti previdenziali, assistenziali ed assicurativi (INPS, INAIL, CASSA EDILE, EDILCASSA);
- Relazione modello DVR per la valutazione dei rischi aziendali ed esperienza documentabile nella relazione del modello relativo alla legge 231 (il Movimento Difesa del Cittadino prima società onlus ad adottarlo);
- Compilazione modelli riguardanti la manodopera agricola (Mod. DMAG/unico) ed utilizzo della procedura on-line per l'invio trimestrale delle denunce dal sito inps;
- Studio della normativa giuslavorista e partecipazione a numerosi convegni di aggiornamento professionale;
- Conoscenza e applicazione dei principali Contratti Collettivi Nazionali e redazione dei contratti di lavoro e dei regolamenti aziendali;
- Predisposizione budget e analisi del costo del lavoro, consulenza operativa al cliente in merito all’elaborazione delle buste paga e al calcolo dei contributi, svolgimento pratiche presso i vari istituti previdenziali e assicurativi, quali Patronati, conoscenza e applicazione delle agevolazioni contributive e degli ammortizzatori sociali;
- Gestione dei principali adempimenti mensili e annuali in materia di personale (comunicazioni obbligatorie presso il Centro per l’Impiego, denunce Uniemens, autoliquidazioni INAIL, denunce di infortunio e malattia professionale, elaborazione CUD e dichiarazioni 770, attivazione tirocini);
- Predisposizione circolari per il supporto normativo al cliente

 

Note

Il modello di organizzazione e gestione (o "modello ex d.lgs. n. 231/2001), ai sensi della legge italiana, indica un modello organizzativo adottato da persona giuridica, o associazione priva di personalità giuridica, volto a prevenire la responsabilità penale degli enti.

Tale normativa, avente ad oggetto la “Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica”, in vigore dal 4 luglio 2001, ha introdotto nell'ordinamento italiano, in conformità a quanto previsto anche a livello europeo, un nuovo regime di responsabilità denominata “da reato”, derivante dalla commissione o tentata commissione di determinate fattispecie di reato nell'interesse o a vantaggio degli enti stessi.

In merito alla natura di tale responsabilità è opportuno riportare quanto puntualizzato nella relazione governativa al predetto decreto: “Tale responsabilità, poiché conseguente da reato e legata (per espressa volontà della legge delega) alle garanzie del processo penale, diverge in non pochi punti dal paradigma di illecito amministrativo ormai classicamente desunto dalla L. 689 del 1981. Con la conseguenza di dar luogo alla nascita di un tertium genus che coniuga i tratti essenziali del sistema penale e di quello amministrativo nel tentativo di contemperare le ragioni dell'efficacia preventiva con quelle, ancor più ineludibili, della massima garanzia.”

La responsabilità ex D. Lgs. n. 231 si affianca alla responsabilità penale della persona fisica che ha commesso il reato. L'introduzione di questo nuovo ed autonomo tipo di responsabilità consente di colpire direttamente il patrimonio degli enti che abbiano tratto un vantaggio dalla commissione di determinati reati da parte delle persone fisiche autori materiali dell'illecito penalmente rilevante – che “impersonano” la società o che operano, comunque, nell'interesse di quest'ultimo.

Le fattispecie di reato che – in base al Decreto Legislativo n. 231/2001 e sue integrazioni – possono configurare la responsabilità amministrativa della società sono soltanto quelle espressamente elencate dal legislatore, in tempi successivi e in via di ulteriore implementazione.

Il nostro studio si occupa anche della creazione e stipula del modello 231 oltre alla dedazione del modello DVR per la valutazione dei rischi aziendali e la sicurezza sul lavoro.