H2biz - International Business HUB

Carlo Galli

Titolare Carlo Galli
Professionista
Meccanica
Ciampino () - Italia

Profili simili (20)

Alberto B...

Alberto B...

Alessandr...


Carlo Cru...

Claudio A...

DANIELE C...


Emanuele ...

ferruccio...

francesco...


Gaetano E...

giampaolo...

leonardo ...


luigi pom...

Mario Maia

Nino Carbone


Pasquale ...

pasquale ...

Q-btc


Visualizza tutti

  • Nome Azienda: Carlo Galli
  • Nome e Cognome: Carlo Galli
  • CAP: 00043
  • Città: Ciampino
  • Provincia:
  • Nazione: Italia
  • Lingua preferita: IT
  • Sito web: http://www.solidestudio.com
  • Settore: Meccanica

Note

"L'idea del veicolo ad inclinazione variabile è stata realizzata per prima in versione di modello radiocomandato in scala per verificarne la dinamica e le potenzialità e dove è visibile chiaramente l'idea del meccanismo per l'inclinazione. Altro obiettivo è quello di proporre la produzione di questo modello radiocomandato in kit; i link dove è possibile vederlo realizzato sono : www.youtube.com/watch?v=URDUnzYoIFw ; http://www.instructables.com/id/Tilting-RC-Model-Vehicle/ "

 


Sviluppo veicolo elettrico a tre ruote G-TEV

Automotive

La mia proposta industriale riguarda due realizzazioni e due settori industriali riconducibili ad un unico modello di veicolo a tre ruote ad inclinazione variabile.

E' stato studiato e realizzato un modello radiocomandato in scala 1:10 con alcune parti ricavate da un modello di fuoristrada esistente ed altre parti auto costruite; ciò è stato utile per verificare sia la fattibilità costruttiva di un modello in scala ma soprattutto per testare il sistema, interamente elettrico, di inclinazione da cui il nome 'Tilting RC Model Vehicle', le fasi di realizzazione sono documentate anche attraverso il sito instructable.com 

Tale sistema può essere trasferito con opportuni rapporti, modifiche e sistemi di controllo su un vero veicolo idoneo alla mobilità urbana. Mi rivolgo quindi ad un'azienda del settore automotive per svilupparne lo studio ed eventualmente realizzarne il prototipo usando appunto il modello radiocomandato come riferimento soprattutto da un punto di vista di laboratorio su cui sperimentarne soprattutto i vari sistemi di controllo idonei ad un trasporto di persone.

Come precedentemente descritto, ho realizzato un modello radiocomandato funzionante con sistema di inclinazione realizzato attraverso una coppia di ruote dentate (G-TEV : Gear system Tilting Electric Vehicle, acronimo usato per il modello 1:1) ed opportuni leveraggi azionati da un servocomando, oltre la trazione elettrica realizzata con un motore elettrico tipo brushless con relativa cinghia di trasmissione. L'obiettivo del finanziamento è quello di sviluppare il prototipo vero del veicolo attraverso le esperienze del modello in scala; come già ho avuto modo di esporre precedentemente in ambito H2biz è stato già realizzato uno studio su un veicolo a tre ruote ad inclinazione variabile che riprende a grandi linee il sistema testato ed usato sul modello radiocomandato e che ho titolato appunto 'G-TEV' il cui acronimo ho già avuto modo di spiegare.

L'obiettivo è quello di sviluppare questo veicolo in osmosi con il modello radiocomandato dal quale potrebbe essere possibile, con evidente risparmio economico, trarre esperienze da riportare appunto al modello in scala 1:1 testandone soprattutto sistemi di controllo opportunamente rapportati e per i quali la tecnologia oggi esistente potrebbe sicuramente apportare un grosso aiuto, vedi sensori, attuatori e sistemi di controllo che oggi trovano posto anche nel settore del modellismo radiocomandato in special modo in quello aeronautico.

L'automobile tra Arte e Design

Arte

"Si tratta di un'idea proveniente dal vecchio, ma ancora utilizzato, sistema di riprodurre parti della carrozzeria di un'auto storica non più in produzione : il mascherone o come lo chiamano gli anglosassoni ""wood buck"". In questo caso si vuole riprodurre il modello in scala sotto forma di kit di montaggio, il materiale può essere il legno o il plexiglas quest'ultimo anche come idea di arredamento e design, può essere realizzato da una scala più piccola che è 1/18, per uso modellistico fino ad arrivare alla scala 1/1 per uso produttivo ma passando per la 1/12, 1/10, 1/8, 1/6, 1/4, 1/2. Nella pagina dedicata del sito http://www.solidestudio.com/volante.html è possibile vedere 2 esempi di modelli in scala ripordotti in legno di pioppo e tagliati al laser che derivano da un vero disegno tridimensionale del modello. L'idea è quella di creare un ""atelier"" a servizio dei modellisti e degli appassionati di arte e di auto storiche fornendo loro professionalità e consulenza; i principali strumenti di lavoro : software 3d, macchine laser con idonee aree di lavoro, una discreta attrezzeria, documentazione e molta passione. Altri riferimenti : http://www.instructables.com/id/Wood-Buck-Kit/ https://it.pinterest.com/solidestudio/corsa-epica/ "

Automodello radiocomandato in kit

Sport e tempo libero

"Tilting Model Vehicle, modello radiocomandato in scala 1:10 La mia proposta industriale riguarda due realizzazioni e due settori industriali riconducibili ad un unico modello di veicolo a tre ruote ad inclinazione variabile. E' stato studiato e realizzato un modello radiocomandato in scala 1:10 con alcune parti ricavate da un modello di fuoristrada esistente ed altre parti auto costruite; ciò è stato utile per verificare sia la fattibilità costruttiva di un modello in scala e sia per testare il sistema, interamente elettrico, di inclinazione da cui il nome 'Tilting RC Model Vehicle', le fasi di realizzazione sono documentate anche attraverso il sito www.instructable.com . E' sia la realizzazione di un modello in scala rivolto al mondo del modellismo radiocomandato o addirittura del giocattolo radiocomandato, sia per verificare se tale sistema può essere trasferito con opportuni rapporti, modifiche e sistemi di controllo su un vero veicolo idoneo alla mobilità urbana. Mi rivolgo quindi sia ad un'azienda del settore del modellismo radiocomandato e del giocattolo per la realizzazione di un prodotto in kit e non, e sia all'industria dell'automotive per svilupparne lo studio ed eventualmente realizzarne il prototipo usando appunto il modello radiocomandato come riferimento soprattutto da un punto di vista di laboratorio su cui sperimentarne soprattutto i vari sistemi di controllo idonei ad un trasporto di persone. Come precedentemente descritto, ho realizzato un modello radiocomandato funzionante con sistema di inclinazione realizzato attraverso una coppia di ruote dentate (G-TEV : Gear system Tilting Electric Vehicle, acronimo usato per il modello 1:1) ed opportuni leveraggi azionati da un servocomando, oltre la trazione elettrica realizzata con un motore elettrico tipo brushless con relativa cinghia di trasmissione. In sostanza si tratta di : 1) organizzare una eventuale indagine di mercato sul tipo di prodotto, aspetto che un'azienda del settore sa come e se necessario svolgere, 2) rendere esecutivo il progetto del modello in scala limitando al minimo la costruzione di nuove parti ed impiegare ciò che il mercato offre come prodotto finito (vedi ad esempio motore, servocomando, controllo elettronico, ruote, sospensioni etc.), 3) produzione, commercializzazione e distribuzione del prodotto, 4) valutare la possibilità di rendere il modello come laboratorio di test per un vero veicolo, così come in alcuni casi si fa nel settore ad esempio delle prove in galleria del vento. L'aspetto della ricerca, il modello in scala 1:1 Come già ho avuto modo di esporre precedentemente in ambito H2biz ho realizzato anche uno studio su un veicolo a tre ruote ad inclinazione variabile che riprende a grandi linee il sistema testato ed usato sul modello radiocomandato e che ho titolato appunto 'G-TEV' il cui acronimo ho già avuto modo di spiegare. L'obiettivo è quello di sviluppare questo veicolo in osmosi con il modello radiocomandato dal quale potrebbe essere possibile, con evidente risparmio economico, trarre esperienze da riportare appunto al modello in scala 1:1 testandone soprattutto sistemi di controllo opportunamente rapportati e per i quali la tecnologia oggi esistente potrebbe sicuramente apportare un grosso aiuto, vedi sensori, attuatori e sistemi di controllo che oggi trovano posto anche nel settore del modellismo radiocomandato in special modo in quello aeronautico. Per vedere il modello in azione è possibile visitare anche https://www.youtube.com/watch?v=URDUnzYoIFw "

Veicolo elettrico per la mobilità urbana

Automotive

"In un momento particolare della mobilità urbana ed extraurbana in un contesto ambientale proporre un veicolo che soddisfi insieme i tre aspetti potrebbe rivelarsi una buona base di partenza per lo sviluppo futuro anche se ciò implica in se impegno. La dinamica del veicolo proposto è abbastanza conosciuta, non molto in Italia rispetto al nord Europa, in quanto si tratta di un veicolo a tre ruote ad inclinazione variabile (tilting vehicle) il quale, oltre ad offrire molti vantaggi di carattere meccanico, offre una volumetria ed una dinamica simile al motociclo con il vantaggio di due posti coperti, in piena sicurezza e con un vano bagagli. La mia idea è quella di proporre lo sviluppo e la produzione di un veicolo prototipo equipaggiato con un nuovo sistema di azionamento elettromeccanico che da il movimento oscillatorio al veicolo stesso. L'idea è soprattutto quella di proporre un sistema molto più economico di quelli esistenti, equipaggiati con sistemi di controllo elettronico molto costosi, affinché questo tipo di veicolo possa diventare un'alternativa al traffico nel rispetto dell'ambiente. Per chi fosse interessato e previo accordo sono consultabili business plan e preliminare del progetto nel quale vengono descritte : l'idea, la sua applicazione pratica, la tecnica e la tecnologia."