H2biz - International Business HUB

Leonardo (ex Finmeccanica)

Leonardo (ex Finmeccanica)
Azienda
Aerospazio
Roma (RM) - Italia

Profili simili (14)

abcdef

Automazio...

Avio


Consulenze

Delrey St...

Eurodrone


gruppoMut...

HELIJETFLY

L&M Itali...


Lockheed ...

MC Salute...

MILO


Nimbus

SOLIGENA

Visualizza tutti

  • Nome Azienda: Leonardo (ex Finmeccanica)
  • Nome e Cognome: Leonardo (ex Finmeccanica)
  • CAP: 21017
  • Città: Roma
  • Provincia: RM
  • Nazione: Italia
  • Lingua preferita: IT
  • Sito web: http://www.leonardocompany.com
  • Settore: Aerospazio

Descrizione

Leonardo è un'azienda globale ad alta tecnologia nei settori dell'Aerospazio, Difesa e Sicurezza.

Con sede in Italia, Leonardo conta oltre 45.600 dipendenti. Tra uffici e insediamenti industriali, è presente in 180 siti nel mondo, con una rilevante presenza industriale in quattro mercati domestici (Italia, Regno Unito, USA e Polonia) e collaborazioni strategiche nei più importanti mercati internazionali ad alto potenziale.

Leonardo ha una struttura organizzativa articolata in sette Divisioni e opera inoltre attraverso società controllate e joint venture.

 


Helicopter AW189 Leonardo

Aerospazio

The AW189 is the latest-generation, high performance 8.3 / 8.6 tonne twin-engine helicopter, designed to answer the growing market demand for a versatile, affordable, multirole platform.

The platform exceeds the most recent FAA and EASA Part 29 safety standards, ideal for demanding SAR and offshore operator requirements and benefits from an industry-leading 50 minutes 'dry-run' capability on the main gearbox.

The cockpit features an advanced, open-architecture avionics suite with fully digital glass cockpit, incorporating advanced situational awareness technologies to minimise pilot workload and optimise mission-effectiveness.

CIVIL-COMMERCIAL USE

Class-leading speed and low internal vibration and noise minimise time airborne and provide exceptional passenger comfort.

An Auxiliary Power Unit (APU) provides air conditioning whilst rotors are not turning, ensuring consistent cabin conditions in hot weather, on the ground.

Luxury materials and fine Italian craftsmanship ensure the highest possible quality and a unique flying experience.

LEADING FEATURES
- Exceeds the airworthiness requirements of the most recent EASA / FAA amendments in the transport category (Part 29)
- The largest passenger cabin in its class to accommodate passengers in a spacious, comfortable and quiet environment
- The main gearbox benefits from an unparalleled 50 minute 'dry-run' capability
- The AW189 is powered by two GE CT7-2E1 engines, delivering high speed and superior performance in hover and Cat. A
The open-architecture avionics suite includes a fully digital glass cockpit with four 8'x10' displays (AMLCD), a 4-axis dual-duplex digital automatic flight control system (DAFCS) and dual Flight Management Systems (FMS), minimising pilot workload during VFR/IFR flight.

MILITARY AND GOVERNMENT USE

Class-leading speed and low internal vibration and noise minimise time airborne and provide exceptional passenger comfort.

An Auxiliary Power Unit (APU) provides air conditioning whilst rotors are not turning, ensuring consistent cabin conditions in hot weather, on the ground.

Operators benefit from the state-of-the-art platform, whilst passengers experience safe, comfortable flight in an elegant environment. The AW189 provides safe, secure and reliable operations. All weather, day and night capability in the harshest climates ensures that efficient point to point transportation is available when required.

LEADING FEATURES
- Largest passenger cabin in its class accommodates VVIP passengers in a spacious, luxurious, comfortable, low vibration and quiet environment
- Auxiliary Power Unit (APU) provides cabin air conditioning ensuring consistent cabin conditions in hot weather, on the ground, whilst rotors are not turning
- Exceeds EASA / FAA Part 29 airworthiness requirements; main gearbox has unparalleled 50 minute 'dry-run' capability; damage tolerance, redundant systems, energy-absorbing landing gear, fuselage and seats for safety and survivability
- Two powerful GE CT7-2E1 engines, delivering superior hover performance for safety and high speed for productivity
- NVG compatible integrated glass cockpit with 4 axis AFCS, dual Flight Management System (FMS), advanced avionics and systems minimise pilot workload and provide excellent situational awareness, maximising mission effectiveness and safety
- Latest generation modular open systems architecture enables integration of wide range of mission equipment including government / military communications, advanced navigation systems, weather radar and defensive aids

Techinical Data

MTOW: 8,300/8,600 kg
Powerplant: 2 x General Electric GE CT7-2E1 (2,000 shp class each) with FADEC and built-in particle separator and one APU (60 kW)
Crew/passengers: 1 or 2 pilots and up to 19 passengers.

Convertiplano elettrico Leonardo

Aerospazio

Il nuovo Convertiplano elettrico (nome in codice “Project Zero”), è stato sviluppato dalla Leonardo Helicopters (ex AgustaWestland) in collaborazione con Selex Es, Ansaldo Breda e Ansaldo Energia.

Project Zero è un convertiplano completamente elettrico, con due rotori basculanti, in grado di ruotare di 90 gradi e integrati nella fusoliera, che permettono di combinare la flessibilità dell’elicottero (decollo e atterraggio verticale e volo a punto fisso) e le prestazioni dell’aereo (velocita’ di crociera, alta quota e ampio raggio d’azione).

I convertiplani sono stati sviluppati fin dagli anni ’80 negli Stati Uniti ma hanno avuto una lunga e travagliata gestazione dovuta alle innovative soluzioni tecnologiche che ne hanno permesso lo sviluppo finale solo negli ultimi anni.

I due modelli oggi operativi sono velivoli dotati di due motori basculanti, cioè in grado di ruotare attorno all’asse orizzontale delle ali per generare una spinta verso l’alto che consenta il decollo verticale come un normale elicottero e persino di muoversi a “marcia indietro”, funzionando in volo come le normali eliche di un aereo.

Un principio che ricorda quello dei jet da combattimento Harrier sviluppati dai britannici fin dagli anni ’60 e oggi prodotti anche negli Stati Uniti, ma anche dai sovietici che realizzarono negli anni ’70 un piccolo caccia dalle prestazioni non esaltanti, lo Yak - 38, imbarcato sulle portaelicotteri della marina di Mosca.

I convertiplani sono invece velivoli a turboelica concepiti per il trasporto leggero e medio di persone e materiali in aree sprovviste di piste di atterraggio offrendo tutta la versatilità di un elicottero con la capacità di volo stazionario (hovering) e avanzamento lento ma con le prestazioni in termini di velocità e capacità di carico di un aereo.

Il convertiplano Project Zero presenta molteplici vantaggi per la sicurezza e la riduzione dell’impatto ambientale, a conferma dell’impegno di Leonardo per sviluppare soluzioni ecocompatibili. Il velivolo ha una ridotta traccia acustica e termica e puo’ volare in condizioni di inquinamento o contaminazione, come nel caso delle eruzioni vulaniche.

Radar Avionici Leonardo

Aerospazio

Leonardo(ex Finmeccanica) ha adottato una strategia di alto livello per garantire il costante avanzamento nei settori tecnologici chiave.

Laboratori dedicati a specifiche aree di ricerca applicata promuovono l'effettiva integrazione di componenti innovativi all'interno del nostro portafoglio radar esistente e i nuovi sviluppi in questo ambito.

Un elemento chiave di questa strategia è la progettazione della più avanzata famiglia di radar AESA: la famiglia dei Kronos che presenta versioni a facce fisse, rotanti, in banda X, C ed L, ed è basata su tecnologia proprietaria all’Arseniuro di Gallio (GaAs) e al Nitruro di Gallio (GaN).

Il portafoglio radar include la famiglia RAT31 di radar a lungo raggio, in versione fissa e dispiegabile per la sorveglianza early warning, radar per il controllo del tiro (famiglia dei sistemi NA30S e Falco Plus), necessari per il controllo dei sistemi d’arma e la guida di batterie di missili.

Completano l’ampia gamma dei sensori radar della Divisione Elettronica per la Difesa Terrestre e Navale i radar per la sorveglianza passiva (AULOS), per l’atterraggio di precisione (PAR), per l’identificazione amico-nemico (IFF) per applicazioni navali e terrestri, insieme ai radar di sorveglianza bidimensionali per applicazioni di navigazione e costieri.